Il direttore artistico                 Lo staff dell'associazione

Corsi di musica                   Archivio manifestazioni




CIRCOLO FILARMONICO ASTIGIANO
in collaborazione con
SCHOLA ROMANA ENSEMBLE
promuove

MASTER 2008

L'arte della Polifonia
Tecnica e prassi esecutiva
della Polifonia rinascimentale

24-27 Luglio 2008


Scarica il file pdf con il
Progetto del Master e i Costi di Iscrizione


Scarica il file pdf con il
Modulo di Iscrizione da restituire compilato



PROGRAMMA:

Il Master, che si articola in quattro giorni, si rivolge principalmente
a cantanti, direttori e a quanti si dedicano al repertorio
specifico, ed è altamente raccomandabile anche a quanti operano
in ambito di musica antica ad esempio come strumentisti,
per la pregnanza degli argomenti teorico-pratico trattati.
Il Master sviluppa un piano organico per l'acquisizione dei
fondamenti tecnico-stilistici della Polifonia rinascimentale.
I due punti di vista, quello del cantante (o meglio cantore) e del
direttore, vengono trattati nell’ambito di una visione unitaria e
organica, in modo da complementare a vicenda le rispettive
prerogative e funzioni esecutive.


CONTENUTI:
Il Quarto Libro dei Mottetti di G.P. da Palestrina, raccolta
meglio nota come Il Cantico dei Cantici, è oggetto del
Master 2008 L'Arte della Polifonia. Il ciclo di Mottetti,
sicuramente ai vertici della produzione palestriniana, è
particolarmente adatto alla trattazione, per la molteplicità delle
soluzioni contrappuntistiche adottate, per la ciclicità modale,
per l?aderenza dell'invenzione musicale al testo letterario,
considerato il più poetico della Sacra Scrittura.
La prima parte, comune al cantore e al direttore, quella dei
Contenuti generali, mette a fuoco in modo chiaro e immediatamente
operativo gli elementi costitutivi del linguaggio specifico:
mensura, tactus, modalità, contrappunto, forme compositive,
intonazione non equabile. Si passa quindi alla seconda parte,
relativa alla pratica del Canto, trattando le problematiche
specifiche della realizzazione vocale, come la ricerca di una
vocalità “rinascimentale”, morfologia e conduzione della linea
melodica, tecniche e prassi esecutive particolari come la messa
di voce, le diminuzioni, i madrigalismi, il trattamento del testo
letterario, la pronuncia del testo con riferimento al latino
e al volgare. Va da sé che queste tematiche interessano da vicino,
sebbene da un altro punto di vista, anche il direttore.
La terza parte del programma tratta gli argomenti relativi alla
direzione/interpretazione. Argomenti principali saranno
l'analisi del brano, progettazione del tracciato interpretativo,
proposte di prassi di direzione in ambito polifonico (concertazione,
gestualità, scelta del repertorio.). Anche qui, si noti che gli
argomenti trattati sono di primario interesse anche per il cantore.


METODI E RIFERIMENTI TEORICI:
Ogni oggetto teorico viene trattato partendo da riferimenti desunti
dalla migliore trattatistica dell'epoca, con particolare riferimento alle
Istitutioni harmoniche di G. Zarlino (Venezia, 1558).
I corsisti effettivi avranno modo di mettere in pratica i contenuti
partecipando alle esercitazioni in qualità di cantori o direttori e
contribuendo all'allestimento di un'esecuzione che, a giudizio del
direttore del Master, potrà essere inserita nel concerto pubblico
che concluderà il corso. Il confronto immediato tra acquisizioni
teoriche e applicazione artistica offre un proficuo, oltre che
stimolante metodo di assimilazione dei contenuti proposti.
I corsisti uditori, qualora il direttore del Master lo ritenga
opportuno, potranno essere coinvolti in alcune esercitazioni pratiche.


MATERIALI:
Le partiture, funzionali ai contenuti proposti, nonché oggetto delle
esercitazioni e del concerto finale, saranno messe a disposizione
dall'Organizzazione e resteranno di proprietà dei partecipanti.



M° Stefano Sabene,  direttore

Fondatore e direttore dello SCHOLA ROMANA ENSEMBLE,
romano, inizia la formazione e l'attività musicale a 10 anni
come cantore della Cappella Sistina diretta da Domenico Bartolucci.
Dopo il diploma e il perfezionamento in flauto con Aurèle Nicolet
compie studi di composizione e direzione d'orchestra
specializzandosi nel repertorio antico e in particolare nella
polifonia di scuola romana. Ha all'attivo incisioni discografiche,
registrazioni radiofoniche e centinaia di esecuzioni concertistiche
in Italia e all’estero, in programmazioni comprendenti i maggiori
artisti. Nel 1994 ottiene il Premio Internazionale "Foyer des Artistes"
per la direzione d'orchestra. Ha partecipato in veste di
interlocutore a trasmissioni radiofoniche per la Radio Vaticana
e la RAI, che gli ha recentemente dedicato la trasmissione
RADIO TRE SUITE “La stanza della musica” insieme a
Schola Romana Ensemble. Apprezzato didatta, pubblica opere
teoretiche e revisioni di brani inediti per Rugginenti Editore
e le Edizioni Esarmonia, di cui cura la collana Antiqua. È stato
invitato a collaborare in qualità di direttore con diverse
orchestre ("Orchestra barocca della Fondazione A. Scarlatti",
"Orchestra Regionale Campana", "Millennium Orchestra", "Orpheus
Musica Orchestra"…), mentre dirige stabilmente alcuni complessi
vocali e strumentali quali l'"Orchestra Mozart Sinfonietta",
lo "Schola Romana Ensemble", la "Compagnia de’ Virtuosi
Musici di Roma".

Prof.ssa Lia Lizzi Balsamo, direttore artistico




PER ULTERIORI NOTIZIE SULLA REALIZZAZIONE:

contattare la segreteria del Circolo Filarmonico Astigiano
Tel: 0141.538.057 - Cell. 346.57.61.400
E-mail: filarmonico.asti@alice.it

oppure M° Stefano Sabene Schola Romana Ensemble
Cell. 329.06.50.786 (www.scholaromana.it
E-mail: ensemble@scholaromana.it).